Due schieramenti nemici si sfidano ogni settimana su un terreno di rabbia e violenza: sono gli ultrà e i celerini. A Genova un gruppo di tifosi sceglie di non accettare imposizioni e ingaggia uno scontro frontale con la polizia. L’odio per le divise riesce a unire reduci del G8 ed estremisti di destra, adolescenti eccitati dalla guerriglia e uomini perseguitati dai fantasmi di un passato insopportabile. Tra le forze dell’ordine c’è chi è acceso dall’adrenalina e chi non può liberarsi da un tremendo rimorso, chi vuole raccontare in un libro la sua storia e chi potrebbe segnare la propria con un errore fatale.

Anno di pubblicazione: 2013
Editore: Einaudi: Collana Stile Libero Big
Pagine:
532

PREMI
Vincitore Premio Calvino 2012 per opere inedite.
Vincitore Premio Massarosa 2013 per la miglior opera prima.
Vincitore Premio Molinello 2014 per il miglior romanzo edito.

 

Acquista su Amazon.it

Ne parlano Bene

Capace di trasformare la realtà della strada in epica urbana

Per leggere l’articolo completo clicca qui

Carlo Bonini

La Repubblica

Un riuscito romanzo corale

Per visualizzare l’articolo, clicca qui

Michele De Mieri

Il Sole 24 ore

A Viso Coperto di Riccardo Gazzaniga (Einaudi Stile Libero, 532 pagine) è un libro che dura poco. Perché si estende in un arco di tempo che copre nemmeno due settimane. E perché, diciamolo, si fa leggere in maniera rapida nonostante lo oltre 500 pagine. La struttura del libro stesso consente di farlo divorare, attraverso la tecnica dei tanti capitoli brevi e di una scrittura che si adegua agli eventi descritti.

Per leggere l’articolo completo clicca qui

Alessandro Oliva

Linkiesta

Capitoletti agili, incalzanti

Per visualizzare l’articolo, clicca qui

Vernazza Sebastiano

La Gazzetta dello Sport

Un libro bellissimo e tragico

Per leggere l’articolo completo clicca qui

Andrea Colombo

Il Manifesto

Il sovrintendente della Polizia Gazzaniga racconta tutto questo come mai nessuno aveva osato fare, cioè dall’interno, stando dentro quel mondo controverso, ancora travisato in prima linea sull’asfalto, in febbricitante attesa di un assalto o di una carica. Anche questi motivi tutti esterni al libro contribuiscono a rendere A viso coperto un’opera unica.

Per visualizzare l’articolo, clicca qui

Antonio Demontis

Critica Letteraria

Gazzaniga è delegato sindacale del Silp per la Cgil: un anno fa, ha vinto il premio Italo Calvino con il romanzo «A viso coperto», che racconta il G8 di Genova e il rapporto tra ultrà e Forze dell?ordine. Vi chiedete mai perché esista la violenza negli stadi? «Ci ho scritto un libro ma ancora non ho trovato risposta. Mi viene da pensare che ci sia una ricerca dell’estremo, un desiderio di affermazione in un mondo in cui è difficile essere attori protagonisti. Facendo violenza, puoi condizionare l’evento o la squadra, quindi trovi un modo per salire sul palco».

Per visualizzare l’articolo, clicca qui

Calabresi Marco

La Gazzetta dello Sport

Proprio non mi va giù che un esordio di tale livello sia stato scritto da uno sbirro

Per visualizzare l’articolo, clicca qui

Luca de Luca

Mondocalcio Magazine

Composto da 162 brevi capitoli, l’esordio di Riccardo Gazzaniga è scritto da un narratore già maturo, abile nel tenere il ritmo, nell’alternare i punti di vista e nell’offrire dialoghi credibili. Gazzaniga evita di dare giudizi e anzi non nasconde i lati oscuri dei “buoni”

Per visualizzare l’articolo, clicca qui

Antonio Prudenzano

Affari Italiani

Ne parlano Male

Anzitutto, il libro è spaventosamente lungo per com’è scritto. In oltre 500 pagine di serrata «epica urbana», Gazzaniga tenta di intrecciare tra loro decine di personaggi e altrettante sotto-trame. Ma non essendo James Ellroy (e nemmeno una scadente imitazione), il romanzo ha cali d’intensità clamorosi e si sfalda di continuo…

Per leggere l’articolo completo clicca qui

Blicero

La Privata Repubblica

Non crea nessuna empatia tra i lettori e i personaggi. Non ci si immedesima mai né con gli ultras/poliziotti cattivi né con gli ultras/poliziotti buoni soprattutto perché equiparare comportamenti e ruoli è di per se sbagliato. Infine un giudizio definitivo: se è scritto così male, perché ha vinto il premio Calvino?

Per leggere l’articolo completo clicca qui

Opinionista

Opinionista

Non vorrei che le critiche qui avanzate venissero lette come una feroce stroncatura. Il problema non sta nel talento narrativo di Gazzaniga, che sarebbe ingiusto negare o limitare, ma nelle ambizioni sbagliate del testo. A viso coperto non rende la complessità del reale in forma di grande romanzo tradizionale e non è nemmeno un’efficace inchiesta o analisi sociologica, di agenti e ultras…

Per leggere l’articolo completo clicca qui

Alessandro Gazoia

Minima&Moralia